venerdì 7 dicembre 2018

In Lombardia l'idroelettrico si fa sempre più piccolo







Domenica 2 dicembre 2018

In Lombardia l’idroelettrico si fa sempre più piccolo. Diminuiscono le taglie degli impianti e le produzioni energetiche, ma crescono gli impatti ambientali delle captazioni
E’ ora di dire grazie ai corsi d’acqua lombarda per l’energia che ci donano. E di voltare pagina, per puntare sulle nuove fonti rinnovabili”

Sabato 1 dicembre 2018 Legambiente ha promosso a Bellano (LC) un incontro di lavoro per parlare dell’idroelettrico ai tempi dei cambiamenti climatici. Tutti i fiumi dell’arco alpino, dal Friuli-Venezia-Giulia alla Liguria, passando per la Lombardia, e i torrenti alpini sono ormai sistematicamente captati a più riprese, lungo tutto il percorso, e, quindi, deprivati della maggior parte della propria acqua, con gravi danni ambientali e paesaggistici. Se nel corso del secolo scorso ciò è avvenuto con la realizzazione di opere gigantesche, dighe, condotte e centrali che ancora oggi producono una quota importante dell’energia elettrica made in Lombardia, da anni ormai le nuove realizzazioni si rivolgono al reticolo idrico minore, o ai tratti di pianura dei corsi d’acqua.




lunedì 26 novembre 2018

Festa dell'Albero

Festa dell'Albero - Le radici dell'accoglienza - a Bellano con le bambine e i bambini della quarta elementare.

"Mi è piaciuto molto piantare gli alberi"
"Mi è piaciuto imparare i nomi degli alberi"
"Mi piace come passate il vostro tempo libero"
Sono alcuni dei pensierini che i bambini di quarta hanno scritto al rientro in classe.

mercoledì 24 ottobre 2018

La classe II media di Bellano restituisce riflessioni e suggerimenti dopo la partecipazione a Puliamo il mondo


23 ottobre 2018
La classe II media di Bellano restituisce riflessioni e suggerimenti dopo la partecipazione a Puliamo il mondo

La partecipazione della scuola di Bellano a Puliamo il mondo ha avuto un seguito: le alunne e gli alunni della seconda media, guidati dalla loro insegnante Roberta Tadini, hanno parlato di questa esperienza e scritto le loro riflessioni. Vogliamo riportarne alcune per dimostrare come la conversazione in classe accompagnata dal lavoro insieme nelle strade, sulle spiagge, nel parco, renda più consapevoli i giovani e, speriamo, più motivati nell’assumere i corretti comportamenti.
«Grazie all’incontro in aula con i volontari e all’attività svolta abbiamo imparato cose molto importanti. Abbiamo capito anche che bisognerebbe premiare chi usa meno imballaggi, ma soprattutto che ognuno di noi deve impegnarsi per dare il proprio contributo.»
Giulia scrive: «Dalla giornata organizzata da Legambiente, ho capito che è necessario fare molto di più per tutelare il nostro ambiente. La gente deve capire che con la raccolta differenziata è possibile riciclare numerosi rifiuti che possono essere, attraverso dei trattamenti specifici, recuperati e trasformati in altri oggetti di uso comune. Spesso nel fare la raccolta, sorgono dei dubbi su come dividere i rifiuti e per questo motivo io consulto gli opuscoli che la Silea e il Comune hanno distribuito a tutti i cittadini.»
Questa classe era alla sua terza esperienza, avendo partecipato in quinta elementare a Puliamo il mondo e lo scorso maggio allo scambio rifiuti-libri. Ha potuto fare un confronto con le precedenti raccolte: «Anche se quest’anno abbiamo riscontrato una diminuzione della quantità di rifiuti abbandonati, pensiamo che si possa fare di meglio. Per fare questo è necessario l’impegno costante di tutti e una chiara comprensione di come differenziare correttamente.»
Ecco cosa scrive Martina: «L’ambiente è molto importante, ci procura l’ossigeno per respirare e il cibo di cui nutrirci, per proteggerlo possiamo tutti dare dei piccoli ma importanti contributi, ad esempio cerchiamo di non comprare cose inutili che produrrebbero spazzatura per niente. Potremmo anche prendere degli impegni, anch’essi piccoli ma utili, perché non insegnare ai nostri nonni a fare la raccolta differenziata? Dopotutto siamo noi i giovani e dovremmo spiegare queste cose alle persone meno informate di noi.»
Interessanti anche i suggerimenti per le Amministrazioni comunali:
- collocare dei contenitori del vetro nelle vicinanze delle spiagge (Giulia, Stefania, Samuele, Lorenzo D M, Luigi)
- mettere dei cestini in più soprattutto nei luoghi dove nel corso del giorno passano tante persone (Lorenzo D V, Martina, Paolo P., Diego, Angelo)
- mettere più cestini per differenziare, per esempio cestino giallo per la carta, blu per il vetro… (Alice, Isabel)
- mettere in luoghi aperti al pubblico ma sorvegliati cestini dove gettare tappi di plastica e altri per quelli di sughero. Si potrebbe mettere anche qualche scatolone dove porre gli oggetti che non si usano più, ma che potrebbero essere utili agli altri.(Sara)
- mettere dei cartelloni con scritto di non buttare la spazzatura per terra (Nicholas)
- un corso gratuito per le persone che non sanno differenziare (Amanda)
- un corso su come fare la raccolta differenziata per i più piccoli che daranno così esempio anche ai genitori (Federico)
- dare più multe alle persone che non rispettano la raccolta differenziata (Vanessa L., Mattia F.)
- organizzare più giornate dove si pulisce il paese non coinvolgendo solo gli studenti, ma anche la cittadinanza (Vanessa R., Mattia S., Ludovica).

lunedì 1 ottobre 2018

Pulire il Mondo 2018

Anche quest’anno il Circolo Legambiente “Lario sponda orientale”, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, ha proposto di “Pulire il mondo” ai ragazzi della quinta elementare e della seconda media dell’Istituto ”Mons. Vitali” di Bellano.
Prima la discussione in classe: produrre meno rifiuti e differenziare meglio fa bene alle casse del Comune e alle tasche dei cittadini ma soprattutto all’ambiente che è la nostra casa.
Quest’anno Legambiente, insieme a molte altre associazioni, ha proposto lo slogan “Puliamo il mondo dai pregiudizi” che rischiano di produrre nuovi rifiuti sociali. Un argomento non semplice per bambini e ragazzi che però hanno saputo portare alcuni esempi vicini alla loro esperienza. A questo proposito, interessante è stata l’osservazione di un ragazzo: “Se vediamo uno che fa stupidate in bicicletta, non dobbiamo pensare che le faccia sempre”.
Siamo usciti con gli insegnanti per raccogliere i rifiuti per le strade e le piazze del paese. Venerdì la pulizia del lungolago e del centro storico con la raccolta soprattutto di mozziconi e sabato quella della spiaggia del porticciolo e del piazzale e dell’area interna della stazione, dove abbiamo riempito sacchi e secchi di rifiuti, francamente al di là delle aspettative. Dà speranza vedere l’attenzione e la partecipazione dei ragazzi in aula e il loro impegno nello scovare, talvolta con sorpresa, e raccogliere i rifiuti.
Al ritorno nel cortile della scuola insieme ai ragazzi abbiamo separato il materiale nei quattro contenitori (indifferenziato, plastica e lattine, carta, tappi di plastica) collocati gli anni passati in occasione di Puliamo il mondo.
Resta il problema dell’umido sottolineato anche dagli insegnanti: manca un contenitore dove conferire l’umido e questo contrasta con le sagge iniziative della scuola per promuovere una merenda sana a base di frutta (rifiuto organico) e non di merendine (rifiuto plastica).

giovedì 27 settembre 2018

Puliamo il Mondo Bellano

Puliamo il Mondo a Bellano

in collaborazione con il Comune, con la scuola di Bellano: 

venerdì 28 ore 13.30-16  con le quinte elementari 

sabato 29 ore 8-11 con la seconda media

Green Station di Brenna-Alzate

Sabato 22 settembre i circoli Legambiente Cantù, Como, Lario Orientale, Lecco, Valchiavenna sono convenuti in treno alla Green Station di Brenna-Alzate. Con qualche suspence, come spesso capita con Trenord, per chi veniva via Lecco, risolta dalla buona volontà del personale. Alla fine ci siamo tutti ritrovati per conoscere e promuovere la ferrovia Como-Lecco non solo per il trasporto locale ma anche per i suoi collegamenti tra le città pedemontane della Lombardia, gli aeroporti e la Svizzera. Un auspicabile esempio di mobilità sostenibile e multimodalità locale e internazionale senza l'auto, anche con valenza turistica nella Brianza verde e verso i laghi, che ha bisogno di volontà politica e di risorse.
Non solo treno. A piedi o in bici alla scoperta della Riserva Naturale della Fontana del Guercio che ospita ben 11 sorgenti utilizzate dall'uomo probabilmente sin dai tempi dei Celti. Un'atmosfera antica tra risorgive e fitti alberi, i pochi lembi rimasti dell'antico bosco di quercia e carpino bianco che un tempo ricopriva la pianura Padana.